Cesenatico: cenni storici



Si potrebbe dire che la storia della città di Cesenatico coincida con la nascita del suo porto. Ma, ancora prima del età del bronzo antico (1800 a.c.), da un punto di vista geografico intorno a 5000-6000 anni fa, la linea di costa delineò il profilo dell'attuale litorale romagnolo. Mentre intorno al Paleolitico e Neolitico superiore (ca. 30.000-10.000 anni fa) comparve la prima presenza umana. In seguito, tra il Neolitico superiore e l' Età del Bronzo (ca. 3.000-1.000 a.C.), ci furono forme iniziali di pastorizia.




Molti scavi testimoniano antichissimi insediamenti risalenti all'età del Bronzo ca. 1.600 a.C. per Valle Felici, l'attuale Sarsina, è il risultato dell'insediarsi delle popolazioni di cultura etrusca che fondarono il loro capoluogo a Sassina.

Come dicevamo inizialmente, la città nasce insieme al porto. Infatti durante il periodo romano, il territorio su cui sorge Cesenatico era coperto dal mare, fu il Pontefice Giovanni XII ad approvare la costruzione dello scalo marittimo di Cesena. Questa iniziativa non fu ben vista e provocò risposte violente dai Manfredi di Faenza, i Polentani di Ravenna e gli Ordelaffi di Forlì che avviarono più volte iniziative di conquista.




Lo scalo marittimo ha assunto da subito grande importanza, la comunità di Cesena, perciò, nel 1490, incaricò Dionigio da Viterbo, "ingeniero et architecto mirabile de la Signoria de Vinecia", per migliorarne la navigabilità. In quell'epoca Venezia era al massimo dalla sua potenza e tutto lAdriatico era considerato come il golfo di Venezia, per questo la Serenissima (Venezia) puntava molto sulla sviluppo dello stesso.

Seguirono anni di distruzione e ricostruzione fino all'unità d'Italia quando dopo ad una progressiva crescita della città, dovuta principalmente allo sviluppo dell'industria turistica, Cesenatico celebrò 2 conquiste: la liberazioni dalla dipendenza da Cesena, ( 1827), e quella, nel 1860, dalla Chiesa.




Oggi Cesenatico è conosciuta come località di vacanza. E', infatti, grazie al fortissimo sviluppo dell'industria turistica che in città sono stati possibili importanti trasformazioni sociali. Oltre ad essere una città di mare, con strutture ricettive organizzate all'accoglienza, offre l'opportunità anche in inverno di trascorrere vacanze culturali alla scoperta di monumenti, musei e opere d'arte, tra i quali: il Porto-canale di Leonardo da Vinci, che ospita il Museo galleggiante della Marineria dellalto e medio Adriatico, unico in Italia; c'è la Parrocchiale di Giacomo, del XVII secolo e la Piazza Ciceruacchio, dove si trova la Biblioteca e un piccolo Antiquarium romano.